DA GOOGLE NEWS

In difesa del gatto nero

Rose Ricaldi
 Si avvicina Halloween, la «notte delle streghe», e con questa ricorrenza ritorna per il quinto anno consecutivo l’iniziativa di Aidaa in difesa dei gatti neri: anche in questo 2010 l’Associazione Italiana Animali e Ambiente organizza nella notte del 1° Novembre ronde per controllare che i mici dal manto color della pece non vengano torturati o uccisi.
Infatti in Italia ogni anno sono circa 30.000 i gatti neri che perdono la vita per mano dell’uomo: molti vengono uccisi in riti esoterici, altri per la superstizione che vuole questi animali portatori di sventura, altri ancora per la vivisezione o per il mercato delle pellicce.
E molte delle sparizioni di questi mici si concentrano nella notte tra il 31 di Ottobre ed il 1° Novembre, la notte di Halloween, appunto.
«La questione delle uccisioni di gatti neri è tremendamente seria anche se molti si limitano a definirla solamente suggestiva – spiega il presidente nazionale di Aidaa Lorenzo Croce -. In un paese come l’Italia dove ogni giorno un milione e mezzo di persone si rivolgono a maghi e ciarlatani di ogni genere anche per arrivare a risolvere i problemi di salute, non ci meraviglia che ogni anno qualche decina di migliaia di gatti neri vengano uccisi per superstizione o per i riti magici».
E nonostante il numero delle uccisioni di questi animali sia sensibilmente diminuito dopo cinque anni del ripetersi dell’iniziativa proprio grazie all’opera di sensibilizzazione attuata (i dati 2007 indicavano 60.000 gatti neri spariti), Aidaa sottolinea che il pericolo per i mici, con l’avvicinarsi dei festeggiamenti della «notte delle streghe», è sempre comunque presente: «Ultimamente abbiamo riscontrato una certa ripresa del fenomeno della sparizione dei gatti neri nella zona della Versilia (Viareggio) – puntualizza infatti il presidente Croce – e nella zona dell’appennino tosco-emiliano e del Varesotto, zone queste considerate da sempre come luoghi magici e quindi oggetto di celebrazione di lugubri riti semi propiziatori».
Chiunque può prendere parte all’iniziativa di Aidaa: per farlo basta inviare una mail all’indirizzo ronde.aidaa@libero.it entro le ore 17 di venerdì 29 ottobre, indicando la propria zona di residenza e l’eventuale disponibilità di spostarsi in auto o in moto.
L’Associazione Italiana Animali ed Ambiente invita inoltre le strutture che sul territorio italiano accolgono gatti a verificare con particolare attenzione in questo periodo le (continua)

DA GOOGLE NEWSultima modifica: 2010-10-29T11:47:15+02:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento