DA GOOGLE NEWS

Arriva il freddo, scatta il piano per i senza dimora

GLI ULTIMI E L’INVERNO. L’organizzazione costa al municipio un milione di euro ogni anno
La rete dell’assistenza, guidata dal Comune, si appoggia su coop e volontariato. Bertacco: «L’obiettivo? Evitare le vittime del gelo»

14/11/2010
Zoom Foto
Un volontario aiuta una persona senza fissa dimora: in città sono più di cento

Il segnale di via lo dà il termometro quando, di notte, si avvicina allo zero. E ormai ci siamo: l’emergenza freddo è alle porte. Per le strade della città ci sono molti senzatetto, oltre un centinaio, minacciati dal rischio di addormentarsi all’aperto, una sera, e di non risvegliarsi più, causa assideramento. Ecco perché la grande macchina di assistenza, che ha il Comune per capofila e molte associazioni benefiche come braccia operative sul territorio, inizia in questi giorni a lavorare a ritmi serrati. Caritas, Ronda della Carità, Cestim, parrocchie, onlus e poi le cooperative sociali preparano i rifugi cittadini per ospitare chi non ha una casa.(continua)

DA GOOGLE NEWSultima modifica: 2010-11-23T12:26:00+01:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento