L’ULTIMO DI GERMANA PISA

Ormai l’accampamento sotto l’albero era composto da diverse centinaia di persone che, ogni giorno, si muovevano alla ricerca di acqua e cibo: andavano alla ricerca di nuove sorgenti per dissetarsi e di residui frutti della terra per sfamarsi. Ma non solo per questo sostavano: l’intento era anche quello di usare successivamente semi e acqua per tentare di fare rinascere la vita intorno . Le spedizioni duravano giorni ed il bottino era sempre magro, ma con i semi di poche bacche superstiti (e sempre più lontane..) ogni volta si tentava il rito miracoloso della semina.

Meta del viaggio erano le montagne, che si scorgevano in lontananza: lì si cercavano grotte e nuove risorgive.

Durante uno di questi viaggi, un giorno, in una grotta in cui si erano calati, uomini e ragazzi incontrarono un fiume sotterraneo! Quale non fu la loro gioia!

Ma come ripercorrere il corso del fiume e scoprire dove esso riaffiorava?

Ci sarebbero volute ben altre forze, ben altre possibilità e strumenti per poterlo scoprire. Eppure, era lì la salvezza, era lì la speranza e questa era una sfida che quegli uomini non potevano lasciare cadere!

Da qualche parte c’era ancora l’acqua, c’era la vita e bisognava incontrarla.

Sarebbe stato il nuovo Eden, il luogo da cui ricominciare; forse era quello di cui si favoleggiava, ma a cui nessuno osava credere!

Erano circolate voci, gli ultimi due anni, del fatto che una parte di Amazzonia fosse rimasta intatta perchè i suoi abitanti l’avevano difesa strenuamente pagando anche con molte vite e perchè in loro soccorso erano andati in molti da ogni parte, così che la compagnia petrolifera che aveva progettato l’oleodotto in quel luogo si era arresa.. Ed in ciò avrebbe giocato un ruolo anche il precipitare degli eventi climatici che avevano consigliato a molti, che potevano permetterselo, di abbandonare la Terra per la ecosfera. Nessuno aveva finora osato dare credito a queste voci, ma ora era finalmente venuto il momento di farlo!

Si trattava di lottare per la vita!

L’ULTIMO DI GERMANA PISAultima modifica: 2012-01-28T19:50:35+01:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento