L’ULTIMO DI GERMANA PISA (PARTE QUARTA)

Dopo aver raccolto alcuni vegetali e licheni e cacciato piccoli animali nella grotta, gli uomini ritornarono all’accampamento : era necessario progettare il da farsi e occorreva il contributo di tutti.

Dopo avere a lungo discusso, si decise che volontari tornassero verso il monte dove si sarebbero divisi in due squadre: una avrebbe proseguito all’aperto intorno al monte, l’altra sarebbe discesa nella grotta e avrebbe tentato l’impresa – se pur disperante – di seguire il corso del fiume sottoterra.

Nelle grotte la temperatura è costante in ogni punto, ma la temperatura dei fiumi è bassa e chi le esplorava, un tempo, si immergeva vestito di pesante muta ed anche così erano pochi quelli che vi si avventuravano: uno di loro era stato l’italiano Tito Samorè…

(segue)

L’ULTIMO DI GERMANA PISA (PARTE QUARTA)ultima modifica: 2012-01-30T22:15:09+01:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento