TRATTO DA “CUCINARE PER PASSIONE”

Madonna Candelora

de l’inverno sém fôra.

Se’l piôf, fioca o tira vent,

n’del’inverno sem dént.”

Quand’ero bambina la  nonna mi raccontava spesso i detti, i proverbi e le tradizioni legati al mondo contadino, ai fattori meteorologici ed alla tradizione religiosa e  proprio questi giorni di fine inverno sono pieni di questi avvenimenti che segnano il passaggio dal brutto e freddo inverno alla dolce primavera.

Ed è un po di giorni che penso ai suoi teneri racconti che sono rimasti dentro di me lasciando ricordi che scaldano il cuore, racconti che a mia volta ho fatto ai miei figli, ma che per il momento. quando glieli rammento, sembra non suscitino nulla in loro…

Nei giorni scorsi ci sono stati ” i giorni della merla” a cui è legata la bellissima leggenda che spiega il motivo per cui i merli hanno le piume nere, oggi 2 febbraio, invece, è  il giorno della Candelora così detta  perché in questo giorno si benedicono le candele come simbolo cristiano.

E proprio  in questo giorno la nonna mi vestiva d tutto punto, si metteva “in ordine” e insieme andavamo nella chiesetta di campagna per la benedizione delle candele ( che erano diverse dalle altre perché più lunghe e sottili )  ed al termine della funzione ero io che tornando verso casa le tenevo in mano tenendole con cura, come se avessi in mano un vero tesoro 

 

 

E proprio perchè era un giorno di festa metteva in tavola un autentico piatto delle feste…

il risotto con le quaglie…

Ingredienti: 400 gr. di riso Roma, 60 gr. di burro, 4 quaglie, 4 fette di pancetta arrotolata, 4 foglie di salvia, olio extravergine d’oliva, 1/2 bicchiere di vino bianco secco,  un mestolo di buon brodo di carne, parmigiano grattugiato, sale e pepe.

In un tegame faccio rosolare con un goccio d’olio le quaglie avvolte con una fetta di pancetta e una foglia di salvia. Quando sono ben dorate da entrambe le parti le innaffio con il vino e quando è evaporato aggiungo il brodo e le faccio cuocere a fiamma bassa per una mezz’ora.

In abbonsante acqua bollente salata faccio lessare il riso, lo scolo,lo condisco con il burro e il parmigiano, poi lo metto nei piatti singoli con la quaglia e lo irroro con il fondo di cottura filtrato.

Lo servo fumante.

 

       http://www.cucinareperpassione.it/un-classico-tra-i-risotti/

TRATTO DA “CUCINARE PER PASSIONE”ultima modifica: 2013-02-03T14:32:49+01:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento