LE DONNE CHE FANNO I NOSTRI YEANS

 
abc_brianross_kalpona_120323_wg.jpgQuando suo padre si ammalò e non fu più in grado di sostenere la famiglia, la dodicenne Kalpona cominciò a guadagnare 6 dollari al mese per 400 ore di duro lavoro in fabbrica. Kalpona Akter oggi è una delle tre milioni e mezzo di donne sfruttate in Bangladesh dalle multinazionali degli abiti come Wal-Mart e Benetton. Come molte donne ha cominciato a ribellarsi, è stata minacciata, bastonata, licenziata e infine incarcerata per aver «fomentato disordini fra i lavoratori del ramo tessile» dietro denuncia di Wal-Mart. Se riconosciuta colpevole Kalpona può persino essere condannata alla pena capitale, tuttavia non ha rinunciato a denunciare lo sfruttamento e ad autorganizzarsi con altri operai e operai, soprattutto dopo il più grande massacro della storia industriale, quello del Rana Plaza, a Dacca, quando in aprile hanno perso la vita oltre 1.100 persone (leggi il dossier «Una strage senza precedenti»).

http://comune-info.net/2013/07/le-donne-che-fanno-i-nostri-jeans/

LE DONNE CHE FANNO I NOSTRI YEANSultima modifica: 2013-07-29T12:32:55+02:00da trudy53
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento